Reggio Emilia, fotografia di una città diversa

Agosto in città può essere davvero bellissimo.

Anche Reggio come tante altre città si vuota e offre l’occasione per rivedere i soliti posti spogliati da quella patina di persone che vivacizza (ma anche copre) tante cose togliendo la voglia di fotografarle. Arriva uno spunto nuovo, l’idea di realizzare un video su Reggio Emilia e la provincia che non sia necessariamente un sofferto insieme di foto tutte d’autore quanto piuttosto uno sguardo personale sulle cose che l’abitudine ha reso trasparenti ai nostri occhi.

Questo progetto (che sarà in anteprima su questo blog da fine agosto in poi) non ha ancora un nome ma già un papà (io) ed una casa su di un network che nascerà tra pochi mesi. Vuole raccontare senza alcuna forma di giudizio la città animata da comparse fugaci e biciclette, con soffitti e scorci raramente apprezzati e contrasti di luce a volte duri e affascinanti.

Ho previsto un’intera giornata dedicata alla città e qualche uscita in provincia, poca attrezzatura e soprattutto il tempo di guardarmi attorno, quindi se abitate in qualche torretta in cima al mondo (reggiano) o avete un cortiletto di cui andate particolarmente fieri fatemelo sapere, mi piacerà passare a scoprire anche qualche inedito nel mio piccolo viaggio.

Vi lascio uno dei primi scatti, alla ricerca di un punto di vista differente su di un luogo molto gettonato, l’area vicino ai plurifotografati teatri del centro. Postproduzione? Quasi nulla, solo l’orario giusto di una potente giornata di sole di ferragosto.

Leave a Reply

Please use your real name instead of you company name or keyword spam.